Categorie del blog
Ultimi Commenti
Nessun commento
Ricerca nel blog

La Cannabis sativa l. il "maiale vegetale"

La Cannabis sativa l. il "maiale vegetale"
È più facile credere ad una bugia ripetuta mille volte, piuttosto che ad una verità della quale non hai mai sentito parlare prima. El Heraldo de San Luis Potosi

La tassonomia ufficiale include la canapa (Cannabis Sativa L.) nella famiglia delle cannabacee o cannabinacee, appartenente all’ordine delle urticales, come l’ortica, il fico, il gelso, l’albero del pane e il luppolo.

La canapa è una delle prime piante coltivate dall’uomo, si pensa fin dal 6000 AC, ha un campo vastissimo di possibili utilizzazioni, più di 50.000 usi e, secondo diversi ricercatori, è la risorsa naturale di maggior valore e più versatile del mondo.

La coltivazione della canapa si è protratta nel nostro territorio fino agli anni 50, poi rapidamente è scomparsa con l’arrivo di grosse quantità di prodotti tessili industriali.

La canapa è una pianta a breve ciclo vegetativo e può adattarsi ai climi più diversi potendo essere coltivata dagli oltre mille metri all’ambiente mediterraneo del sud Italia.  Nel paesaggio montano e fluviale la canapa è servita principalmente a soddisfare le necessita delle famiglie, in particolare di quelle contadine: corde sacchi per l’agricoltura, abiti da corredo, lenzuola e asciugamani.

Dai nostri nonni veniva chiamata “il maiale vegetale” o “il maiale delle piante” perché proprio come il maiale non si butta niente. Nei tempi antichi veniva usata come medicamento, per fare impacchi e rinfrescare l’organismo degli animali e delle persone.

Prospera in terreni ricchi di sostanza organica.  Fiorisce intorno ai 19° C ed i semi maturano richiedendo quindi temperature gradualmente crescenti. La germinazione del seme avviene a 8-10°C e le giovani piantine resistono meglio delle altre colture primaverili alle gelate tardive.

"Come riconoscere il sesso? Vorrei aggiungere un particolare: vediamo che la canapa è di due tipi, la canapa e il canapone…che cosa vuol dire?La femmina fa i fiori e il maschio la impollina." Sig. Domenico Santoni

In commercio si trovano specie monoiche (caratteri femminili e maschili presenti sulla stessa piante) che dioiche (ogni pianta è caratterizzata da un sesso) dalle quali dallo stesso seme e semi della stessa pianta nascono piante di due tipi: la canapa e il canapone. La canapa a differenza del canapone fiorisce…e il canapone la impollina.

Il frutto è una piccola noce ovoidale, comunemente chiamata “seme di canapa”, con superficie lucente di colore non uniforme dal bruno all’olivastro e qualche volta si presenta ancora racchiuso negli involvi fiorali. A seconda delle varietà, il peso di mille semi varia da 20 a 25 gr.

Nel periodo che va dalla semina alla fioritura, i caldi precoci, specie se accompagnati da intensa aridità, sono nocivi poiché dispongono le piante a prefiorire e rimanere quindi basse di statura.
Un abbondante umidità giova molto quando è coltivata su terreni permeabili, mentre è dannosa ove si presentano prolungati ristagni idrici che soffocano le radici.
Durante la maturazione dei semi, non solo resiste bene all’umidità dalla fioritura in poi, ma è più produttiva in presenza di piogge. Teme però i freddi autunnali precoci.

Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lascia una risposta
Per favore effettua il login per pubblicare un commento.

Menu

Impostazioni

Clicca per vedere altri prodotti.
Nessun prodotto trovato.

Crea un account gratis per salvare i tuoi prodotti preferiti.

Accedi

Crea un account gratuito per usare la Lista dei Desideri

Accedi