Il nostro negozio online fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione.

Our webstore uses cookies to offer a better user experience and we recommend you to accept their use to fully enjoy your navigation.

Accetto
close
Categorie del blog
Ultimi Commenti
Nessun commento
Ricerca nel blog

La canapa e i lavori complementari

La canapa e i lavori complementari
Puoi risolvere tutti i problemi del mondo in un giardino. Geoff Lawton

La canapa durante il suo sviluppo non ha bisogno di particolari attenzioni in una stagione mediamente piovosa e soleggiata. Tuttavia è bene avere delle cure e attenzioni particolari.
La mia prima stagione agricola fu poco piovosa, quando abbiamo raccolto mi sono accorto purtroppo molti semi erano vuoti.

Tuttavia, la canapa teme molto più i ristagni idrici della siccità. La siccità può essere un problema nella fase iniziale fino a quando le piante non avranno sviluppato un buon apparato radicale intorno alla terza settimana. La pianta necessita di almeno 30 litri di acqua ogni 2-3 giorni.
Dopo questo periodo, sempre in mancanza di pioggia, si potrà irrigare ogni settimana per il mese seguente e poi ogni:10-15 giorni fino alla fioritura.

Se notate un eccessivo ingiallimento fogliare può essere sintomo di una carenza nutrizionale, meglio intervenire.
Anche se la canapa cresce rapidamente, soprattutto all’inizio fare attenzione alle erbacce, che potrebbero soffocare le giovani piantine, meglio sradicarle…oppure lasciare che la permacultura faccia il suo corso.

Per stimolare la produzione, verso la sesta settimana di vita, ho asportato la parte apicale ovvero la parte di stelo con le ultime 4 foglioline. La seconda cimatura sui rami principali è stata fatta.
È importante, se si sceglie di farlo, cimare soltanto nelle prime fasi dello sviluppo per non ritardare la fioritura.

Nelle parti apicali delle piante esiste un tessuto chiamato “meristema”, che funziona come un orologio per la fioritura, e che, se asportato, necessita di 8-10 giorni per riformarsi. Quindi asportandolo si ritarda la fioritura della pianta per il tempo necessario alla formazione di un nuovo tessuto.

Molti coltivatori preferiscono mantenere la pianta intatta e ritengono che ogni intervento di potatura sulle piante produca una minor resa finale e un ritardo nella fioritura (che in certi casi potrebbe avere effetti disastrosi. Altri pensano che la resa finale possa addirittura essere aumentata.

La pianta non necessita di altri interventi di potatura a parte l’asportazione di parti della pianta eventualmente danneggiate o malate e quella eventuale dei rami più bassi che non si sono potuti sviluppare.

La foglia è il polmone della pianta e la sua presenza è indispensabile. Togliendo le foglie si avrebbe come risultato soltanto una fioritura precoce ed un nanismo nei fiori.
Le foglie, una volta mature, ingialliranno e cadranno da sole e le sostanze nutritive in esse presenti come amidi, sali, ecc. saranno emigrate nei fiori in modo da accrescerne lo sviluppo e la resa finale.

I parametri d’irrigazione, la dose e il turno vanno calcolati, oltre che in base agli specifici fabbisogni della pianta di canapa, anche in relazione al clima e alla capacità idrica del suolo.
Una scarsa irrigazione comporta la crescita di foglie piccole e secche, mentre una eccessiva irrigazione può causare la comparsa di muffe sul terreno e conseguente contaminazione dello stelo e delle radici.

Per assicurare alla pianta un corretto apporto idrico, è consigliabile installare un sistema di irrigazione localizzato a goccia. Si tratta di una tecnica che permette di somministrare l’acqua lentamente ma in modo continuo e localizzato. Di conseguenza consente all’apparato radicale di assorbire la quantità corretta di acqua senza che ne defluisca verso zone in cui non serve o ristagno.

Le piante di canapa necessitano di un periodo secco tra due irrigazioni, motivo per il quale è importante attendere che la superficie del terreno sia asciutta prima di procedere con la successiva innaffiatura.

Si stima che, durante il periodo vegetativo, una coltivazione di canapa necessiti di circa 230-300 mm di pioggia. Per fare un esempio pratico, per una produzione ottimale servono dai 500 ai 700 mm di precipitazioni o acqua irrigata.

Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lascia una risposta
Per favore effettua il login per pubblicare un commento.

Ricevi le nostre novità e le offerte speciali

Iscriviti alla newsletter.

Menu

Impostazioni

Clicca per vedere altri prodotti.
Nessun prodotto trovato.

Crea un account gratis per salvare i tuoi prodotti preferiti.

Accedi

Crea un account gratuito per usare la Lista dei Desideri

Accedi